Tronisti della democrazia – 23/3/2013 – di Francesco Panzieri

Lo Stato Sociale a Castelnuovo Berardenga. Un piccolo teatro (ma molto attivo) di un piccolo paese. Poche decine di persone affollate fuori, di fronte ad una trattoria. “Dai ragas’, si incomincia!” Dice un damerino incravattato chiamando gli ultimi che si attardano per la cena. Non sta per cominciare una lezione di catechismo o un corso di recupero, ma un concerto-esibizione de Lo Stato Sociale, gruppo rock elettro-cabaret di Bologna impegnato nel tour teatrale “Tronisti della Democrazia”. Effettivamente lo spettacolo e’ straniante ed esilarante: e’ pensato come una mattinata scolastica, divisa tra ore di religione, astronomia, educazione sessuale, geopolitica e storie edificanti. Le canzoni dell’album “Turisti della Democrazia” si alternano a monologhi-fiume e racconti che mescolano elementi demenziali alla Elio ELST ad un’ alta sensibilita’ politico sociale e mettono in ridicolo il modo in cui le persone si condannano ad un’esistenza di falsi rapporti ed, attraverso un’ educazione sbagliata, si autoinfliggono costrizioni religiose e limitazioni di libertà. Su tutto spicca la personalità di Lodo Guenzi (voce, piano e chitarra) ed Alberto Cazzola (voce, basso) e l’originalita’ del suono della band (forse un po’ penalizzato dal’ acustica), che fa largo uso di tastiera e sinth ed utilizza per la ritmica basso e drum machine. Il pubblico e’ divertito e coinvolto, qualcuno ha già imparato le canzoni dell’album e canta a squarciagola. Alcune di esse (Seggiovia sull’oceano, Amore ai tempi dell’Ikea, Pop) sono ri-arrangiate per il tour teatrale, altre, come le conclusive “Cromosomi” e “Abbiamo vinto la guerra”, conservano l’energia del cd e sono salutate dalle ovazioni del piccolo teatro, in piedi, radunatosi ai piedi del palco. Uno spettacolo affascinante ed inconsueto che certamente meritava una maggiore cornice di pubblico e che si conclude come era iniziato: finisce la “lezione” ed i musicisti si intrattengono a chiacchiera con la gente fuori dal teatro, commentando lo spettacolo ed il tour, senza quel divismo che spesso contraddistingue la scena indie rock italiana.

lss

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...