W.A. MOZART, SINFONIA CONCERTANTE in mi b magg.

Sebbene Mozart abbia scritto la maggior parte dei suoi concerti per violino quando aveva vent’anni, la Sinfonia concertante, composta quattro anni più tardi, è da considerarsi l’unico lavoro della sua maturità scritto per strumenti ad arco solisti. In senso stretto, una Sinfonia concertante è un genere diverso dal concerto: prevede vari solisti cui sono affidati temi differenti da quelli dell’orchestra. Mozart battezzò “sinfonie concertanti” solo tre delle sue composizioni: un frammento per violino, viola e violoncello con orchestra, un pezzo per quattro fiati e orchestra, che non è sopravvissuto nella sua forma originaria, e il brano in questione.

Stilisticamente la sinfonia presenta alcune caratteristiche della scuola di Mannheim insieme a elementi delle serenate salisburghesi e dell’espansività operistica.