PILLOLE D’ARTE: LA RESURREZIONE DI CRISTO – di Michele Piattellini

ResurrectionAlla meta’ del quattrocento Piero della Francesca comincia i lavori per un grande affresco nella sua San Sepolcro. L’opera era la Resurrezione di Cristo ed è a tutti gli effetti uno dei capolavori del Rinascimento italiano. In una campagna a metà rigogliosa e nell’altra distrutta un uomo si impone sopra un architettura classica. L’uomo è Gesù Cristo, unico ad aver vinto la morte che, come un condottiero, alza al cielo il vessillo simbolo di trionfo. Ai suoi piedi, inermi, i soldati sconfitti che dormono ignari del miracolo verificatosi a pochi passi da loro. La straordinaria composizione geometrica, con un triangolo che va a crearsi tra la pietra e la testa di Cristo, rappresenta la nuova sensibilità naturalistica della pittura. Il paesaggio è veritiero, le figure possenti come statue occupano uno spazio concreto nell’immagine. Tutto è ragione nella pittura di Piero. Tutto, tranne che l’inspiegabile miracolo della morte e resurrezione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...