“ROCKSHOW”: TORNANO AL CINEMA PAUL MCCARTNEY AND WINGS – di Francesco Panzieri

ROCKSHOWIl 18 settembre si è svolto in contemporanea in 700 sale internazionali di tutto il Mondo un evento cinematografico e musicale di grande importanza. E’ stata infatti presentata al pubblico degli appassionati del baronetto la versione cinematografica integrale restaurata e digitalizzata del “Paul McCartney and Wings Rockshow”, docufilm montato e presentato nel 1980 con i filmati realizzati nei concerti americani del 1976 di uno dei rock tour di maggior successo degli anni ’70: il “Wings Over the World Tour” (1975-76), 65 concerti in 11 paesi, conclusosi al Seattle Kingdome il 10 giugno 1976 davanti a 67.000 spettatori. Il film, realizzato con stereo dolby surround 5.1, ci proietta all’interno del “Dome” di Seattle in compagnia di Paul, consumato padrone di casa, sua moglie Linda, il polistrumentista ed ex Moody Blues Danny Laine, il chitarrista Jimmy McCulloch ed il batterista Joe English. Il concerto e’ la più alta espressione della carriera di McCartney post Beatles, inquadra il momento storico in cui i Wings raggiunsero il più alto livello sia musicale sia di affiatamento sul palco, anche grazie ad un vasto repertorio basato sui loro quattro album in studio di maggior successo (“Red Rose Speedway”, “Band on the Run”, “Venus and Mars”, “Wings at the Speed of Sound”), sui pochi (fino ad allora) successi da solista del cantante e su qualche successo da lui cantato per i Beatles. La scaletta, ben disegnata, non permette cali di flessione nell’attenzione del pubblico, con un crescendo di successi ancora freschi dei Wings (“Venus and Mars”, “Jet”, “Let me roll it”, “Spirits of Ancient Egypt”) e di Paul (“Maybe I’m amazed”), una parte centrale del concerto illuminata da nuove versioni di “Lady Madonna”, “Long and winding road” (senza l’odiata pomposita’orchestrale voluta da Phil Spector che aveva fatto imbestialire McCartney), “I’ve just seen a face”, “Blackbird” e “Yesterday”, ma anche dal trionfo progressive pop di “Live and let die” e dall’intima “Bluebird”. Dopo aver brevemente ceduto la scena a Danny Laine, che canta una “top ten” di classifica del 1965 dei Moody Blues, “Go now”, Macca ci guida tra i successi pop “My Love”, “Silly Love Songs” e “Band on the Run”, e certi picchi rock ‘n’ roll che giova ricordare, come “Beware My Love” e “Soily”, canzone conclusiva. Il nucleo storico della band, Paul, Linda (finalmente ad un livello non dilettantesco ai cori e tastiere) e Danny Laine, e’ ovviamente al centro della scena e delle riprese. In particolare McCartney, sacerdote dello Show, che esalta il pubblico con ammiccamenti e gridolini ultra americani di entusiasmo che allargano nella nostra percezione la distanza tra la sua immagine pop e quella che nello stesso momento si era costruito l’amico-rivale John Lennon. Ad un appassionato beatlesiano, infatti, non può non sorgere la riflessione che l’intero show, non privo di eccessi kitsch, testimoni la diversità tra le due carriere da solista dei più famosi dei Fab Four. Laddove Lennon fa della protesta pacifica, dell’impegno e di alcuni successi mondiali come “Imagine” il proprio trampolino di lancio, McCartney torna al successo, quello vero, dopo un lungo percorso non privo di fallimenti a livello di pubblico e di critica, formando una nuova band e tornando a suonare dal vivo ed a scrivere soprattutto canzoni pop, senza vergognarsi ad indossare lustrini e senza professarsi portatore di alcun messaggio al di fuori del rock and roll. Proprio per questo il docufilm, veramente di buona qualità sia come audio sia come riprese, merita un posto di prestigio nella cineteca personale dei cultori del rock, come testimonianza storica di cosa sono stati veramente gli anni Settanta.

Annunci

Un pensiero su ““ROCKSHOW”: TORNANO AL CINEMA PAUL MCCARTNEY AND WINGS – di Francesco Panzieri”

  1. Any business today aims to be on the first page of major search engines for higher visibility and higher sales. Therefore, given that marketing is so to speak at the core of any business, if you want to sell well, you have to advertise well, and you can do this on the internet, given it is the best means to help you achieve your goals to this effect due to its massive exposure and incessant expansion. Search engines take time to consider your page quality and all the other aspects of your page when you update something.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...