PILLOLE D’ARTE: LA CENA IN EMMAUS – di Michele Piattellini

La Cena in Emmaus è un soggetto che Caravaggio proporrà due volte. La prima versione è del 1602 e raffigura il momento nel quale il Cristo si svela tra lo stupore dei due commensali. La scena è ridondante di colori e luci, la tovaglia imbandita di portate, una sorta di natura morta che potrebbe essere un quadro a se stante. Straordinaria e’ anche la gestualità dei protagonisti della scena così ben fatta da riuscire a svelarcene gli stati d’animo. La seconda immagine raffigura invece la versione del 1606. Tutto è cambiato nella vita e nella pittura del Caravaggio. Egli, infatti, è ricercato per omicidio e chiunque lo riconoscesse è autorizzato ad ucciderlo. Il colore scompare dalla tela, prevalgono i neri e le sabbie, le figure sono anch’esse abbozzate con tratti quasi funebri. E’ l’inizio dell’ultimo periodo dell’arte del Caravaggio, nella quale il grande artista lombardo si interesserà soprattutto allo spazio scenografico rispetto alle figure. Sara’ un percorso molto breve ma costellato anch’esso di capolavori l’ultimo dei quali, il Martirio di Sant’Orsola, eseguito poco prima di morire solo e disperato nella spiaggia di Porto Ercole.PrintOMatic Xtra Output emmaus1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...