W.A. MOZART, LE NOZZE DI FIGARO

«L’opera buffa italiana è rinata», scrisse Mozart a suo padre nel 1793, «ed è molto popolare… Ora il nostro poeta è un certo “Abbate” Da Ponte [che promette di] scrivere un libretto per me». Questo fu il primo riferimento all’ex sacerdote e poeta veneto con cui Mozart realizzerà opere dal perfetto connubio tra musica e parole. Dalla loro collaborazione scaturirono tre opere – Le nozze di Figaro (1786), Don Giovanni (1789) e Così fan tutte (1790) – che insieme formano un trittico i cui pannelli rappresentano aspetti contigui nell’amore passionale, ciascuno variamente sfumato nei toni della tristezza e del dolore.

La commedia Le nozze di Figaro si svolge presso una famiglia e in una sola folle giornata. Fu un’idea di Mozart stesso quella di scrivere un’opera prendendo spunto dalla nota satira di Beaumarchais e, nonostante vari ostacoli che ne ritardarono la realizzazione, la sua stesura (secondo Da Ponte) richiese solo sei settimane. Una tale rapidità testimonia la straordinaria sensibilità musicale e drammaturgica di Mozart, e la padronanza del linguaggio operistico da parte del librettista. Ad eccezione di due arie del quarto atto, spesso tagliate, nulla è superfluo. Le nozze di Figaro è tra le opere centrali e sempre attuali di tutta l’arte occidentale.

Annunci

Un pensiero su “W.A. MOZART, LE NOZZE DI FIGARO”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...