A OGNI MOSTRA LA SUA RECENSIONE: Preraffaelliti, l’utopia della bellezza – di Valeria Mileti Nardo

Da pochi giorni la città di Torino ospita, presso Palazzo Chiablese, settanta opere della Confraternita dei Preraffaelliti, dalla collezione della Tate di Londra, capolavori che potranno essere ammirati dal pubblico italiano fino al 13 luglio.
Le opere esposte sono davvero dei capolavori e alcune sono molto note anche al grande pubblico, come Ofelia di John Everett Millais.val2
La mostra è strutturata in diverse sezioni che si concentrano su un tema, attorno al quale dialogano le opere degli artisti della Confraternita; le sezioni aiutano a enucleare le principali tematiche affrontate dagli artisti: La storia, La religione, Il paesaggio, La vita moderna, La poesia, La bellezza e il Simbolismo. Tra gli artisti più significativi in mostra, incontriamo il già citato Millais, Dante Gabriel Rossetti, Ford Madox Brown, Edward Coley Burne-Jones , William Holman Hunt, Elisabeth Eleanor Siddal, compagna di Rossetti, sua modella e a sua volta pittrice e troviamo anchel’unica opera di William Morris, più che pittore, animatore del gruppo, La Regina Ginevra. Questi alcuni artisti della Confraternita, formatasi nel 1848 in piena età Vittoriana e legati dall’ideale del ritorno utopico alla pittura prima di Raffaello e agli ideali medievali, come l’amor cortese e la spiritualità religiosa, fatti rivivere in senzo nostalgico e con una sensibilità pittorica moderna.
Seguendo una tendenza ormai molto diffusa in campo di mostre, si cerca di lasciare molto spazio alla contemplazione delle opere, rischiando però di tralasciare alcuni elementi che permettano meglio di inquadrare la tematica attorno alla quale la mostra viene costruita. L’impressione, in questo caso, mi pare essere questa. Certi aspetti della Confraternita vengono tralasciati o non troppo sottolineati, come l’impegno nelle arti decorative degli stessi artisti, la realizzazione della celebre Red House, la casa-laboratorio di Morris e punto di ritrovo degli artisti, gli sviluppi della tipografia con torchio a mano Kelmscott Press, fondata nel 1891 da Morris. E poi il ruolo di John Ruskin, personaggio che ha sottolineato la base etica delle Arts and Crafts, ossia la volontà di creare prodotti artigianali di alto livello e senza l’utilizzo della tecnologia ma che fossero alla portata di tutti (ideale destinato al fallimento per l’incompatibilità tra prodotti di lusso e diffusione di massa).val1 E di sfaccettature ce ne sono tante altre: il legame soprattutto tra Rossetti e la poesia che spesso viene riportata nelle cornici delle opere o nelle opere stesse, come nella meravigliosa Proserpina del 1874 di Rossetti, presente in mostra. E poi ancora: il rapporto antitetico con la fotografia, osteggiata come mezzo tecnico ma utilizzata da Rossetti per studiare le pose delle sue modelle, come la compagna Elisabeth Eleanor Siddal e Jane Burden.
Forse, dare un’idea di questi temi a completamento dell’aspetto storico e culturale del fenomeno artistico in questione, magari con una sala con documenti e fotografie di opere cruciali ma non trasportabili, sarebbe stato più efficace del contributo video in mostra, comunqe interessante, sull’influenza dei Preraffaelliti sulla cultura Occidentale dagli anni Ottanta, tra gotico e dark.
Con questo, non voglio gettare una cattiva luce né sulla mostra nè sui curatori ma vorrei dare un taglio “problematico” alla questione delle mostre, che troppo spesso si affidano alla presenza dei capolavori esposti, rischiando tremendamente di semplificare fenomeni artistici e culturali cruciali e di rilevante importanza storica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...