La fronda – di Ermanno Anselmi

Si è scosso in un vento quel tutto
che un tempo chiamavo te
E come facevo ho trafitto
quel tutto

Un muto grondare di neve
sui pruni del viale
un silenzio fattosi greve,
più breve

Di lungo pianto versato di sera
Del ghiaccio in cui ti costrinsi
E come piangevi da sola
sopra la sera

Nascosta intravedo la fronda
L’amore pulsava sul corpo
L’amore di pioggia, che stonda
che batte la fronda

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...