IL NUOVO CORSO DELL’IRAN – di Filippo Secciani

Hanno avuto luogo il 26 febbraio le elezioni per il rinnovo del Parlamento iraniano e per l’Assemblea degli Esperti. Il primo, il Majles, ha il compito di legiferare, mentre al secondo, il Majles-e Khobregan spetta il compito di monitorare il lavoro svolto dalla Guida Suprema Ayatollah Ali Khameni. Il Parlamento è composto da 290 membri, nelle cui mani è concentrato il potere di stilare le leggi, dopo che queste abbiano ricevuto il nullaosta del Consiglio dei Guardiani della Costituzione (un organo indipendente, composto da dodici membri non elettivi, con l’incarico di far collimare le leggi iraniane con i principi dell’Islam sciita). L’Assemblea degli Esperti dell’Orientamento è invece composta da 86 membri – teologi, massimi esperti di diritto islamico – che supervisionano l’operato del Rahbar, cioè la Guida Suprema ed in via ipotetica hanno anche il potere per farlo dimettere. Si sono presentati al voto circa cinquanta milioni di iraniani, per scegliere tra i 5500 nominativi delle liste elettorali che avrebbero composto la nuova compagine parlamentare. Anche in questo caso il modello iraniano è abbastanza particolare: i candidati devono superare l’approvazione da parte del Consiglio dei Guardiani per poter essere iscritti nelle liste. Delle oltre dodicimila candidature, sono stati ritenuti idonei solamente 6229 e di questi 729 si sono ritirati volontariamente dalla corsa elettorale. La maggioranza dei “bocciati” proveniva dalle fila dei riformisti, per cui non sono mancate le proteste da parte di questa corrente politica. Questa selezione è volta ad evitare stravolgimenti politici troppo radicali ed impedire un trasferimento di poteri eccessivamente improvviso. Al massimo è possibile trovare un equilibrio tra le varie ideologie contrapposte, che renda comunque funzionante il parlamento e dunque il paese. Gli schieramenti in campo erano così composti: i riformisti, il cui desiderio è la promozione di una società liberale e democratica dell’Iran in campo economico e politico. I pragmatici, che accanto alla tradizione islamico-sciita della società iraniana vorrebbero applicare alcuni principi economici liberali. I principalisti (principlists), un insieme piuttosto eterogeneo di idee che spaziano dal centro al conservatorismo, alla cui base vi sono i principi saldamente enunciati da Khomeini, integrati però da economia liberale. I conservatori, i veri detentori del potere in Iran, decisamente radicali nell’approccio politico sia interno che estero ed assolutamente ostili a qualsiasi forma di apertura. Gli indipendenti, forti prevalentemente nelle regioni periferiche e di confine del paese, si presentano come un sunto delle principali correnti, condite con istanze particolaristiche. Sebbene il risultato elettorale abbia consegnato la vittoria alla frange riformista e progressista in generale, per ottenere un quadro definitivo della vittoria alle “elezioni parlamentari iraniane servirà tempo, dovendo attendere che il Parlamento si insedi e che la variabile geometria delle ‘liste’ si ridefinisca all’interno del Majles”, come ricorda Nicola Pedde direttore dell’Igs. Ovvero dobbiamo attendere che il governo si insedi, che gli accordi vengano alla luce e che alleanze vecchie e nuove si formino, per poter meglio comprendere l’indirizzo politico dell’Iran dei prossimi anni.12822779_955559404513292_1847130678_o La vittoria dunque è nelle mani dell’artefice degli accordi Vienna, del presidente Rouhani e della sua Lista della Speranza; allo stesso tempo non è stata neppure una sconfitta storica per i conservatori vicini ai Pasdaran ed a Khamenei, infatti lontano dai grandi centri urbani e nella campagna, il potere politico è ancora largamente in mano a queste forze. Mentre la corrente “internazionalista” conquista le metropoli, Teheran compresa, ed i centri urbanizzati. L’ago della bilancia in Parlamento è nelle mani degli indipendenti, con una percentuale di voti intorno al 20%, che agiranno in base agli interessi personalistici del momento. Quello che certamente possiamo notare da queste elezioni è il grande balzo in alto fatto dalla corrente progressista del paese. Un risultato non del tutto scontato per via dell’opprimente presenza del clero sciita nella vita quotidiana dei cittadini iraniani. Ma è un risultato che premia Rouhani e la sua apertura verso il mondo esterno, l’accordo sul nucleare e l’abolizione delle sanzioni. È l’espressione di una nazione giovane, il 69% della popolazione ha tra i 14 e 65 anni, con una età media di 24 anni che vuole viaggiare, studiare e vivere senza il controllo ossessivo del governo e del clero, come del resto hanno dimostrato con la Rivoluzione Verde del 2010; è anche il voto delle donne, con 15 deputate all’interno del parlamento, record storico dal 1970. È il voto di fiducia verso Rouhani e le sue promesse in campagna elettorale per allentare la pressione sulla popolazione e verso una liberalizzazione dell’economia e della società. Queste elezioni avranno anche un impatto fondamentale sulla nomina del futuro Ayatollah: la vittoria riformista cambia gli equilibri all’interno dell’Assemblea degli Esperti in senso meno ortodosso verso la scelta della futura Guida Suprema, Khamenei infatti ha 76 anni e non è esattamente in ottima forma. Vedremo tra qualche mese se Rouhani riuscirà nell’impresa dove Khatami (l’unico presidente propriamente riformista che l’Iran abbia mai avuto) ha fallito: riformare il paese senza l’ostracismo della corrente rivoluzionaria ed in particolare del Consiglio dei Guardiani. La sfida in politica estera del nuovo governo, forte dell’accordo sul nucleare, è senza ombra di dubbio la riabilitazione internazionale. Iniziata con gli accordi sul Jcpoa, molto altro deriverà dal nome del nuovo presidente americano: un’apertura verso Teheran è la linea condivisa dai candidati democratici, mentre sulla sponda repubblicana le opinioni sono divergenti; si va dal totale ostracismo e condanna dell’accordo di Trump ed in parte di Cruz, a segnali possibilisti di Rubio. Inoltre la maggioranza della popolazione iraniana ritiene che non ci si possa fidare degli Stati Uniti. Dunque una distinzione, nei limiti del possibile con Washington, sarà un percorso fondamentale ma al tempo stesso estremamente difficoltosa. Politica estera influenzata anche dell’Ayatollah Khamenei: con un Iran nuovamente attivo nella regione e nel mondo, la Guida Suprema sarà un’ingombrante presenza per la libertà di azione del presidente Rouhani. Un occhio puntato ad occidente verso gli Stati Uniti e l’Europa ed uno rivolto ad Oriente verso Russia e Cina. Per quanto riguarda la Cina è stata la principale destinataria del petrolio iraniano nell’anno passato; gli auspici del nuovo corso iraniano sono rivolti ad un maggiore incremento nell’interscambio commerciale tra le due nazioni che dovrebbero raggiungere e superare i 500 miliardi nel 2026. Accordi che culminano nell’interesse iraniano nel progetto cinese della Nuova Via della Seta. Tuttavia il grande handicap di questo rapporto è la considerazione che la Cina ha dell’Iran: una relazione circoscritta a livello locale-regionale e nulla più almeno per adesso. Per quanto riguarda i rapporti economici con la Russia, il canale principale di collaborazione riguarda il nucleare, nello specifico la conversione di impianti ad uso scientifico. Non secondaria è la possibilità della nascita di un nuovo mercato turistico iraniano verso la Russia e viceversa, di quello alimentare e soprattutto nella difesa e negli armamenti. È a livello politico che le strade potrebbero non correre più parallelamente. Il comune impegno a sostenere Assad in Siria ha interessi diametralmente opposti: l’Iran ha tutto l’interesse a mantenere una forza sciita al potere, che insieme alla maggioranza sciita irachena garantirebbero, Isis ed Israele permettendo, il controllo quasi totale dell’intera fascia regionale del Vicino Oriente a Teheran. Da qui il confronto per procura con l’Arabia Saudita e le altre petromonarchie del Golfo. Viceversa la Russia che non ha alcun interesse ad inimicarsi né i sauditi, né tantomeno Israele con le quali commercia con molta proficuità, garantisce la sopravvivenza del governo di Assad per interessi strategici (il porto di Tartus in primis, che assicura uno sbocco sul Mediterraneo a Mosca). Altro punto di distanza sono gli idrocarburi: Vienna ha offerto la possibilità all’Iran di commerciare nuovamente il suo petrolio ed il suo gas a chiunque sia disposto ad acquistarlo e chi ne potrebbe risentire particolarmente è la Russia, che a causa di questo regime di costi bassi e l’eventualità di ulteriori sanzioni, rischia di vedere crollare il suo export. Infine la rinascita di un paese anestetizzato per anni, che improvvisamente va ad intaccare una sfera di influenza storicamente importante per la Russia e già pesantemente affollata dalla presenza di Cina, India e Pakistan. L’Iran ha vissuto per anni pressoché tagliato fuori da ogni forma di rapporto col mondo, sottoposto a sanzioni e con vicini non esattamente amichevoli, vedendo se stesso come un alieno nella regione, con una popolazione persiana a maggioranza sciita, circondato da paesi arabi sunniti. Dopo 10 anni di sanzioni – le ultime in ordine cronologico – l’economia del paese si è ridotta di più del 12%. L’inflazione al 13% ed una disoccupazione al 12%. Quella dell’Iran è pur sempre la seconda economia della regione Medio Orientale. Il basso prezzo del petrolio non è una nota positiva per Rouhani che però può contare sulle seconde riserve di gas al mondo, pronte ad essere esportate verso Europa ed Asia. A cui dobbiamo aggiungere una solida produzione di acciaio e cemento, un settore chimico e manifatturiero abbastanza sviluppato. 12804458_955559414513291_247659399_nTuttavia il settore pubblico e burocratico pesa notevolmente sulla bilancia dello stato, insieme ad inefficienze e infrastrutture obsolete. Dunque le sfide dell’Iran nel prossimo futuro sono molte sia in campo interno, che estero. Rouhani ha ottenuto un’ampia fiducia dalla popolazione, ma non totale, gli manca la piena autorità: nonostante lo spostamento verso posizioni di centro, è ancora molto forte il potere nelle mani del clero e dei Pasdaran, che faranno di tutto per impedire una rapida liberalizzazione del paese. In campo economico tra gli esperti sembra prevalere la teoria adottata da Garner del Financial Times, secondo il quale l’Iran si avvierà ad un processo analogo alla Cina: sviluppo economico senza connessioni politiche. In campo estero la rinnovata intraprendenza internazionale spingerà l’Iran a cercare una propria dimensione nel mondo, a cercare una maggiore caratura regionale assicurando la leadership sciita in Libano, Iraq, cercando di assicurare al potere Assad per il maggior tempo possibile e proseguendo il confronto con i sauditi in Yemen, conflitto che sta diventando sempre più caldo. Ovviamente l’Iran dovrà fare anche i conti con i suoi vicini, specialmente con un’Arabia Saudita, “libera” dal controllo americano, che sta diventando sempre più una nazione altamente militarizzata ed impegnata ad evitare di perdere il suo ruolo egemone nella regione. A questo proposito un conflitto tra Teheran e Riyadh in un tempo indeterminato nel medio futuro può non essere un’opzione così peregrina. Accanto agli interessi geopolitici nel confronto tra queste due realtà vi è anche il confronto secolare tra i due rami dell’Islam, che di certo non contribuisce a ridurre la tensione. Tuttavia un’Iran forte deve necessariamente passare da un’Iran stabile all’interno dei confini, un’Iran in grado di trovare un suo equilibrio tra desiderio di modernizzazione, aspirazioni dei giovani e conservatorismo del clero ed esercito. In altre parole l’Iran deve sperare che l’asse Rouhani-Khamenei non si rompa per poter garantire un futuro al paese.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...