PER ASPERA AD ASTRA: IL FUTURO DELL’ESPLORAZIONE SPAZIALE – di Niccolò Fattorini

Mentre l’Europa ha appena tentato per la prima volta di atterrare su Marte (per quanto ahinoi sia andata male proprio all’ultimo momento), con il lander made-in-Italy “Schiapparelli”, ci siamo chiesti quali saranno il futuro dell’esplorazione spaziale e le missioni più significative programmate per la prossima decade.

 

Da piccolo mi chiedevo sempre come doveva essere stato assistere allo sbarco umano sulla Luna, avvenuto nel luglio 1969 per mezzo dell’Apollo 11. Mio nonno mi raccontò di avervi assistito in diretta TV, confermando la spettacolarità dell’evento.buzz_salutes_the_u-s-_flag

Nonostante teorie complottiste sostengano che fu tutta una finzione1 (con lo sbarco girato magistralmente da Stanley Kubrick in un set cinematografico), dopo il picco mostrato negli anni ’70 con il programma Apollo, l’esplorazione spaziale non si è più mantenuta ai livelli di sviluppo raggiunti durante la Guerra Fredda. Le prospettive attuali, però, fanno ben sperare per il futuro.

Negli ultimi anni, grazie all’impegno di ESA e NASA, l’interesse per l’esplorazione sembra aver ripreso forza (le recenti imprese delle sonde Rosetta e New Horizons vi dicono niente?). Inoltre, grazie anche allo sforzo di agenzie asiatiche (ad es.: RKA, Russia; JAXA, Giappone), tra le sonde orbitanti (orbiter) e quelle che discenderanno sulla superficie di altri corpi celesti (lander e rover), nei prossimi anni ne vedremo delle belle2,3.

L’interesse per Marte sembra dominare. Sul pianeta rosso è pronta a sbarcare la missione InSight (NASA, lancio previsto a marzo 2018), con l’obiettivo di studiare la geofisica di Marte. Un lander equipaggiato da un sismografo e da un sensore per il flusso termico perforerà per 5 metri la superficie grazie a un braccio estensibile. La missione servirà per rilevare l’attività sismica eventualmente presente sul pianeta, il flusso termico proveniente dal suo interno, che dedurranno le dimensioni e lo stato fisico (solido o liquido) del nucleo. Nel 2020 la missione ExoMars (ESA-RKA), appena cominciata con l’arrivo dell’orbiter di qualche giorno fa, proseguirà con l’invio di un rover sulla superficie marziana, dotato di strumenti di analisi biochimica in tempo reale per andare a caccia di eventuali tracce di vita, passata o presente. La missione servirà inoltre per conoscere meglio la geochimica del pianeta e la distribuzione dell’acqua. Nello stesso anno anche una missione NASA, Mars2020, sbarcherà sul pianeta rosso con un rover che andrà a caccia di eventuali tracce di attività biologica. Entro il 2020 è stato proposto anche il lancio della missione congiunta NASA-ESA Mars Sample Return, che avrà lo scopo di riportare a Terra campioni rocciosi di suolo marziano.

press_photo_4Nel 2022 sarà la volta di Mercurio, raggiunto dalla missione Bepi-Colombo (ESA-JAXA, lancio previsto per gennaio 2017) che, con l’ausilio di due diversi orbiter, studierà la geologia, la composizione e la magnetosfera del pianeta più vicino al Sole.

Europa, Ganimede e Callisto, i satelliti di Giove – attualmente monitorato dalla sonda Juno, che ne studia la composizione esterna e la magnetosfera (fino al 2018, quando verrà risucchiata e distrutta dall’atmosfera gioviana) – saranno l’obiettivo della missione JUICE (Jupiter Icy Moon Explorer, ESA, con lancio previsto nel 2022). Europa, invece, sarà l’unico scopo della NASA per Europa Mission. Entrambe le missioni, che raggiungeranno la destinazione intorno al 2030, sono previsti diversi orbiter equipaggiati con strumenti in grado di svelare in dettaglio la struttura chimico-fisica, interna ed esterna, dei satelliti gioviani, nonché di mapparne la superficie. L’interesse è alto soprattutto per i ghiacci di Europa, sotto ai quali gli scienziati si aspettano la conferma di un oceano di acqua in grado di ospitare potenziali forme di vita.

Ma l’esplorazione futura non sarà limitata a pianeti e satelliti. La missione Osiris-Rex (NASA, lanciata un mesetto fa) raggiungerà nel 2019 l’asteroide “101955 Bennu”, con l’obiettivo di recuperarne un campione incontaminato per permettere successive analisi a Terra dei suoi costituenti (il campione sarà riportato a Terra nel 2023), mappandone le proprietà geochimiche e mineralogiche, e con l’obiettivo di effettuare misurazioni precise del moto di un asteroide potenzialmente pericoloso per la Terra.

Neanche il Sole, la nostra stella, è stato escluso dalle future esplorazioni. Ad ottobre 2018 verrà lanciato SOLO, un satellite ESA che orbiterà attorno ad esso per ottenere osservazioni ravvicinate della superficie definite come non mai, nonché per fotografarne le regioni polari (non osservabili dalla Terra).

hyperspace_falcon

E oltre al Sistema Solare? Gli scenari mostrati dal film Interstellar sono ancora pura fantascienza, se mai saranno realmente percorribili. Tuttavia, l’interesse suscitato dalla ricerca dei pianeti extrasolari (compito perfettamente svolto dal telescopio Keplero, che dal 2009 ha scoperto 1284 pianeti al di fuori del Sistema Solare), sarà soddisfatto dalle missioni TESS (NASA, lancio previsto nel 2018) e Plato (ESA, lancio previsto nel 2024). La messa in orbita di questi potenti telescopi spaziali adatti a scovare esopianeti rocciosi attraverso i passaggi davanti alle proprie stelle mapperà rispettivamente fino a mezzo milione e un milione di astri di svariati tipi, con lo scopo di scoprire potenziali mondi abitabili.

Infine, pare ritornata in auge l’idea delle missioni umane. L’ultimo astronauta ha lasciato la Luna nel dicembre 1972. Il nostro satellite sembrerebbe aspettarci di nuovo nel 2024 (ESA)4, mentre nei mesi scorsi Obama ha dichiarato che entro il 2030 l’uomo andrà su Marte5, grazie anche alla collaborazione con compagnie finanziatrici private. Per Elon Musk invece, fondatore di SpaceX, compagnia che sta rivoluzionando il trasporto spaziale, l’uomo vi sbarcherà tra meno di 10 anni, in un incredibile viaggio senza ritorno per tentare la prima colonizzazione di un altrauto pianeta: la missione MarsOne. Fantascienza? Tutt’altro, secondo quando presentato da Musk durante l’ International Astronautical Congress di settembre6. Sempre se qualcuno non si divertirà a mostrarci immagini riprese in un set cinematografico.

 

Riferimenti

 

  1. http://it.ibtimes.com/siamo-davvero-stati-sulla-luna-5-risposte-chi-ne-dubita-1410385
  2. http://www.jpl.nasa.gov/missions/?type=future
  3. http://www.esa.int/Our_Activities/Operations/Current_and_future_missions
  4. http://www.esa.int/Our_Activities/Human_Spaceflight/Exploration/The_European_Space_Exploration_Programme_Aurora
  5. http://www.repubblica.it/scienze/2016/10/11/news/obama_annuncia_entro_il_2030_invieremo_i_primi_uomini_su_marte-149557609/
  6. http://www.nationalgeographic.it/scienza/2016/09/28/news/elon_musk_un_milione_di_persone_su_marte_entro_il_2060_-3250501/

 

Keywords

Esplorazione spaziale; spazio; sonda; Luna; Marte; Europa; asteroidi; pianeti extrasolari; NASA; ESA; Elon Musk

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...