Archivi categoria: Piccole cronache londinesi

FANCY A CUPPA? – di Federica Corbelli

La prima volta che ho sentito questa parola, essendo una persona estremamente diffidente, mi sono chiesta cosa mi stessero offrendo, poi ho capito che cuppa (pronuncia ˈkʌpə) è la contrazione di “cup of tea”, quindi, molto semplicemente, una tazza di tè.

D800_1614

Attenzione però a sopravvalutare, per quanto “semplice”, la lavorazione dietro alla tipica tazza di tè inglese, perché se gli italiani mostrano un attaccamento fuori dal normale al caffé, lamentandosi di come fuori da casa non si trovi un caffé decente, gli inglesi non sono da meno quando si tratta del loro té e, credetemi, ho un paio di amici che prima di affrontare un viaggio fuori dalla patria mettono la scorta personale in valigia.
Per quanto sia uno stereotipo, il tè è davvero sacro per gli inglesi, così come il tea break, da non confondere con l’afternoon tea – ben diversi l’uno dall’altro. L’afternoon tea si consuma in apposite sale da tè, hotel, ristoranti – spesso abbastanza di lusso, che richiedono una certa compostezza e dress code, è un appuntamento abbastanza raro, di solito per festeggiare qualche occasione speciale o per trattarsi bene, si può accompagnare con champagne e di solito viene servito con piccoli snak dolci (scones, muffins, torte) e salati (generalmente mini-sandwiches).

cream-tea1

Il tea break, invece, è un appuntamento giornaliero per gli inglesi, che gustano la loro cuppa a casa e nei luoghi di lavoro o di incontro, anche più di una volta, insomma per mantenere la comparazione con l’Italia, è un po’ la nostra pausa caffè.

tealady

Come già detto le regole sono semplici, ma vanno seguite con precisione, un solo sgarro e il risultato finale rischia di essere un’espressione accigliata o, peggio, aperto disgusto (ci siamo passati tutti noi “stranieri” nei nostri tentativi falliti di preparazione del tè).

Prima di dare l’impressione sbagliata però, sfatiamo un po’ di miti. È vero che nel Regno Unito ci sono molte varietà di tè, ed è vero che al tè è risevata un’attenzione particolare, ma la maggior parte degli inglesi non vuole niente che sia “too fancy” (troppo sofisticato/elaborato), niente tè speziati o aromatizzati, nelle case, uffici, scuole, luoghi di ritrovo viene servito solo un tipo di tè, English breakfast o Earl Grey, talvolta semplicemente etichettato come “black tea”, il che si traduce in una serie ristretta di marche: PG Tips, Yorkshire, Tetley e Twinings. Altre marche accettate sono Clipper, Typhoo, Tea Pigs e Barry’s, ma se non ve la sentite di bestemmiare davanti agli inglesi vi consiglio di non nominare invano Lipton, quello sì che crea scompiglio, disgusto e espressioni imbronciate poiché, sempre a detta dei consumatori “hardcore”di tè, non sarebbe abbastanza forte.
Vi è inoltre una corrente di pensiero che preferisce il tè in foglie invece che in bustine, ma in realtà la qualità della bustina sembra essere allo stesso livello della foglia, oltre al fatto che la bustina è molto più pratica.

tea

Altra regola fondamentale per la buona riuscita del tè è l’acqua, che deve essere bollente, non semplicemente calda, possibilimente con la kettle, il famoso bollitore che non può mancare in ogni casa inglese come si deve.

2137074_R_SET

In caso siate sprovvisti di bollitore, va bene anche il fornello, ma la regola rimane la stessa, l’acqua deve essere a 100 °C, e soprattutto, mai versare prima l’acqua e poi inserire la bustina, quest’ultima deve già essere pronta nella tazza, accompagnata dallo zucchero in caso si voglia prendere il tè dolce.

Scordatevi il limone, frutto troppo esotico, inaccettabile in un tè che sia “proper” (vero/decente). Dopo aver versato l’acqua nella tazza, sulla bustina, si aggiunge il latte. Le proporzioni di tè/latte/zucchero sono assolutamente variabili, tanto variabili che c’è chi ha azzardato una serie di pantone sul tè

kular

In ogni caso le varianti principali sono 4:

mycuppa-coffee-colors

  1. Milky – colore molto chiaro, brewing time (tempo di infusione) molto corto e quantità abbastanza abbondante di latte
  2. Classic British – la tazza di tè perfetta raggiunge un colore arancione scuro/marroncino dopo che il latte è stato aggiunto e mescolato
  3. Builder’s Brew – termine colloquiale per definire una tazza di tè molto forte, il nome deriva dal tipo di tè bevuto comunemente dai lavoratori manovali (builders) durante le loro pause
  4. Just tea – tè senza l’aggiunta di latte

Al tè vengono generalmente accompagnati biscotti, i più comuni sono i “Rich Tea”, i “Custard Cream” o i “Chocolate Digestive”.

20140109-digestives-taste-test-labeled2-1

Insomma una volta capiti gli ingredienti e il processo chiave creare la tazza di tè perfetta è un gioco da ragazzi.

 

Istruzioni:

  • Procurarsi tè di tipo English Breakfast o Earl grey
  • Mettere l’acqua a bollire (e non state a sentire nessun estimatore di tè, l’acqua del rubinetto va benissimo)
  • Mettere la bustina nella tazza (facoltativamente aggiungere zucchero)
  • Una volta che l’acqua ha raggiunto la bollitura versarla nella tazza
  • Tempo di infusione 3-5 minuti, non inferiore, a meno che non si voglia un tè leggero
  • Togliere la bustina (a quanto pare senza strizzarla, poichè la bustina strizzata rilascia delle sostanze che rendono il tè amaro)
  • Aggiungere il latte (alternativamente si può lasciare la bustina al momento di aggiunta del tè per assicurarsi di avere il giusto bilancio in caso si sia aggiunto troppo latte)
  • Mescolare per assicurarsi che la quantità di latte aggiunta sia quella corretta
  • Godetevi la vostra cuppa!
Annunci

La vita ai tempi della Brexit – di Federica Corbelli

“London.”
“London?”
“London.”
“London?”
“Yes, London. You know: fish, chips, cup ‘o tea, bad food, worse weather, Mary fucking Poppins… LONDON.”

Vivo a Londra da 5 anni, mi sono trasferita il 17 settembre 2011: l’idea iniziale era quella di frequentare un master di un anno e tornare a casa, ma quando il momento è arrivato mi sono resa conto che non ero pronta ad andarmene. Da allora vivo con Londra un’intensa storia d’amore –  abbiamo i nostri alti e bassi, intendiamoci, ma fino a ora ci sono stati più alti, o almeno così voglio credere.
La prima cosa che ho imparato vivendo a Londra, oltre a come fare il tè perfetto (per questo vi rimando al prossimo appuntamento della rubrica), è che “London is not England”. Forse perché il londinese medio lo ripete almeno un paio di volte a conversazione, forse perché quando vivi la bellezza intensa di Londra pensi “Questo è un posto a parte”.

sadiq khan

Non si tratta solo di una delle città più multiculturali al mondo, dove la parola diversity è all’ordine del giorno e il fatto che il neo-eletto sindaco, Sadiq Khan, sia musulmano non fa troppo clamore. Ci sono angoli di Londra in cui si respirano altri mondi e altre culture: qui ho assaggiato la migliore cucina afgana, ho conosciuto la tradizione bulgara del Baba Marta, ho assistito a partite di Aussie rule, ho festeggiato il Canada day in Trafalgar square, ho imparato l’arte del turpiloquio in cinese e ho insegnato a mia volta “perle” di cultura toscana a italiani e non. Ma, purtroppo, Londra non rappresenta l’Inghilterra (o il Regno Unito): l’aria che si respira a Londra – incluso il preoccupante alto livello di polveri sottili – non  è  la stessa che si respira fuori dalla M25 (la famosa autostrada che circonda Londra quasi completamente). Sembra quasi incredibile ma una volta fuori “dalle mura” il panorama cambia decisamente, inclusione, diversità, multiculturalismo diventano concetti remoti. Ne abbiamo avuto la prova la mattina del 24 giugno quando abbiamo visto la mappa del voto.

brexit map
(cr: Tgcom24)

La risposta del sindaco Sadiq è stata semplice e rassicurante: “London is open” e “It’s not the wallls that make the city”, come dimostra la campagna che sta portando avanti, che include il “City of film” in cui attori e attrici che fanno parte dell’industria cinematografica britannica uniscono le loro forze per diffondere il messaggio che Londra è aperta – e lo fanno con le migliori citazioni cinematografiche sulla città.

Se questo non bastasse, il sindaco ha inoltre introdotto l’idea della creazione di visti speciali per coloro che vogliono lavorare a Londra in caso di una legislazione anti-immigrazione più ferrea. Ma comunque, nella comunità degli “europei all’estero” si respira un po’ di paura e si pensa al da farsi, storie di chi sta pensando ad andarsene, a sposarsi o a un qualche piano B. Il 23 giugno, infatti, non è storia passata, e nonostante la volontà di cancellare una delle pagine più buie della storia di questo paese, nonostante il periodo estivo che ci ha lasciati nel buio totale, il tema è ancora scottante, non solo tra i “foreigners”. Per qualcuno il referendum è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, per altri sono state le recenti dichiarazioni di Theresa May e Amber Rudd sulle note xenofobe e populiste del “l’Inghilterra agli inglesi”. In molti viviamo questa situazione di stallo e incertezza aspettando il prossimo passo del governo, cercando ragioni per andare o ragioni per restare.

london

Mi piace discutere la questione nel mio ufficio multiculturale che si divide tra un 50% di cittadini britannici e un 50% di stranieri. In varie occasioni ho chiesto il parere dei locali; in molti dicono “non ti preoccupare queste misure influenzeranno le persone che si vogliono trasferire non quelle che sono già qui da un bel po’”. Probabilmente è vero, i cittadini europei che risiedono qui da diversi anni e hanno un lavoro fisso saranno tutelati, ma la questione è ben diversa e non si tratta solo del mio caso personale: si tratta di una nuova generazione di persone e futuri cittadini a cui potrebbero essere negate le opportunità di cui fino a ora gli europei come me, residenti nel Regno Unito, hanno goduto.

12491-70062

Mi domando se i miei colleghi inglesi non si preoccupino delle nuove dichiarazioni del governo, se abbiano paura di questa spaventosa virata a destra, se siano superficiali e non pensino al di là del loro cortile o se siano semplicemente realisti e pensino che tutte queste dichiarazioni non porteranno a niente. “Se vi cacciano dal paese non rimarrà più nessuno a Londra” mi ha detto ieri la mia collega londinese: forse si tratta di semplice realismo e la certezza che tentare di fermare l’immigrazione non sia possibile e non porti davvero a niente? Però le domande da porsi sono sempre le solite: voglio davvero vivere in un paese che ha tale politica? Voglio diventare di cittadina di un paese rappresentato da questi politici? Che ne sarà di coloro che vogliono venire a studiare, lavorare, vivere qui? Sto assistendo alla fine del multiculturalismo di Londra come lo conosciamo? Quale sarà la goccia che farà traboccare il vaso per me?

28 days later - 28 giorni dopo
“Se vi cacciano dal paese non rimarrà più nessuno a Londra”

Mentre le cose scorrono in un clima generale di insicurezza, il sito del governo invita alla cautela, suggerendo che il nostro status non cambia e dice che “secondo le leggi della UE se si è vissuto nel Regno Unito per almeno 5 anni si ha il diritto alla residenza permanente”. Alla domanda che mi fanno tutti, sia qui che a casa, “E tu che fai?”, la mia risposta rimane “Non so”. Credo di non essere pronta per lasciare Londra, penso di essere ancora innamorata di questa città, nonostante tutto, perché, come dice Vivienne Westwood, “Non c’è nessun altro posto come Londra. Niente di niente, da nessuna parte” e da buona ottimista voglio pensare che ogni tentativo di Theresa May, Amber Rudd, Nigel Farage, Boris Johnson e tutti questi politici xenofobi e razzisti da quattro soldi falliranno miseramente, perché Londra rimarrà sempre Londra.