Archivi tag: sichuan

DIARIO DI VIAGGIO: QUELLA VOLTA NEL SICHUAN (capitolo 3)- di Duccio Tripoli

Villaggio minuscolo, abitato prettamente da tibetani, dove si parla tibetano e ci si affida al buddismo in ogni situazione di vita. Le strade polverose e le abitazioni in stile buddista accompagnano gli abitanti e i pochissimi stranieri in visita in un mondo che non è immobile, come dimostrano i comunque numerosi camion che passano dalla strada principale, ma si muove lentamente. Si parla tibetano ed è difficile rintracciare un abitante Han che effettivamente risieda nella cittadina. Gli Han ci sono, ma sono tutti turisti che raramente rimangono per una notte o più e ad ogni modo scorrazzano beati nella vallata di Tagong sui loro pullman per poi proseguire verso altre mete poco frequentate; una sorta di turismo cinese intelligente. La piazzetta principale è circondata da 3 guesthouses che offrono la sistemazione più economica di Tagong e, se ci si adatta un po’, si vive una vera esperienza abitativa tibetana con tutti i suoi comfort, ma soprattutto senza. Il tempio monastero Lhagang è uno scorcio di vita monastica tibetana di rara bellezza non contraffatta, come non è contraffatta la semplicità e spontaneità di questi monaci che, alla vista della solita gopro da me portata in giro, decidono di farsi una foto “in mano loro” per fissare questo momento di allegria passato con uno straniero disposto a fare due chiacchiere. La maggior parte di loro vive li da molto tempo e non intende andarsene da quel che ho capito. “A Tagong si sta bene”, precisa un monaco sulla cinquantina, “i cambiamenti sono stati minimi”. Sembra sincero anche nel mostrarmi il suo iphone che, come ammette lui stesso, fino a 15 anni fa sarebbe stato una spesa di portata tale da non essere nemmeno immaginabile. I monaci se la passano decentemente, mangiano pregano, chissà se amano, e dormono. Inoltre, non si assiste più a nessun tipo di persecuzione o accanimento nei confronti di questi interessanti personaggi vestiti di sfumature rosse a arancio, quantomeno a Tagong per quel che ho visto. Difatti, dopo i tumultuosi errori della Rivoluzione Culturale, oggigiorno ormai ampiamente condannati, il governo di Pechino ha iniziato un accurato finanziamento di vaste opere di ristrutturazione di molte realtà religiose cinesi, tra moschee, templi taoisti e monasteri buddisti appunto. Chiamali strulli! Mi ritrovo con i miei due compagni e mi portano, a spese loro in quanto io risulto in qualche modo ospite, a fare una breve ma spettacolare cavalcata su una collina vicina dalla quale ammirare l’altopiano tibetano in tutto il suo splendore e vastità.12119014_10207396531538829_3252652574817790180_n Dopo mi getto in un nuovo tempio, sempre molto bello, ma non totalmente autentico da quando ha prontamente ricevuto la ristrutturazione cinese che lo ha reso splendido e lucente all’esterno, ma scarno e un po’ artefatto all’interno. Esco dal tempio e faccio due passi nella piana che vi si trova davanti affollata dalle bancarelle di un mercatino tibetano la cui specializzazione sembra essere il cibo tipico. Ne approfitto per assaggiare della, deliziosa a mio dire, carne di yak essiccata e fare due chiacchiere con il carismatico venditore che ci tiene a spolverare un po’ il suo inglese “imparato cercando di parlare il più possibile con i turisti stranieri”. E continua, “l’inglese l’ho imparato per assicurarmi più clienti e per poter spiegare, come meglio potevo a chi non parla cinese, l’aria che si respira qui, in quello che una volta era il Tibet. Ho bisogno di un visto per visitare la mia capitale, Lhasa, e le inefficaci politiche inclusive cinesi hanno indebolito la nostra cultura.” E continua, con fierezza, “almeno oggi, essere buddista e praticare non pare essere più un problema. Si vive bene, ma spesso la gente sembra scordarsi che parliamo cinese ma la nostra lingua è il tibetano, che viviamo in Cina ma siamo tibetani”. Il suo orgoglio mi mette di buon umore e, avendo assaggiato un paio di tazze di tè di burro di yak preparato da sua madre, lo saluto dopo aver preso il suo contatto di wechat. Purtroppo parlando e scrivendo lui in tibetano non comprendo assolutamente nulla dei suoi post, ma le foto mi riportano nella rurale Tagong, un posto nel quale ho lasciato un pensiero, o forse due. La sera a cena andiamo, insieme ai miei Gemenr in un ristorante tipico tibetano dove assaggiare dei veri momo (ravioli con ripieno di carne e verdure), tsampa (una specie di tortina di orzo) e dei thuk-pa (noodles piccanti). Cena ottima ma dopo c’è poco da fare. Ci spostiamo a bere un paio di birre sulla terrazza della guesthouse nella quale la coperta di cielo stellato sopra le nostre teste fa da contrasto lucente all’ambiente spartano circostante. Prima di andare a letto mi becco anche una bella filippica sul perché ai cinesi oggigiorno non importa più nulla del Giappone e dei Giapponesi, “nonostante tutto quello che hanno causato al popolo cinese, e mio nonno se lo ricorda bene”. Andiamo a dormire non troppo tardi perché la mattina vogliamo essere attivi per le 7, loro torneranno verso Chengdu, mentre io voglio proseguire verso GanziGarze in tibetano – la base ideale per raggiungere la mia meta prediletta, SedaSertar in tibetano. La mattina ci svegliamo e, una volta usciti nella piazzetta principale di Tagong, iniziamo a chiedere ai vari autisti tibetani presenti in loco vogliosi di danaro qualche informazione per raggiungere Ganzi nel migliore, e più economico, dei modi. Trovo un signore sulla cinquantina ben disposto e, una volta trovati altri passeggeri, il suo pulmino sarà pronto a partire. Nel frattempo mi offre, molto gentilmente, la colazione: ravioli di carne piccanti e tè, la partenza giusta dal posto giusto. Facciamo due chiacchiere e, altrettanto gentilmente, mi chiede di aiutarlo a riempire il pulmino in quanto “prima lo riempiamo prima partiamo”, e, non parlando inglese, non si pone mai in maniera convincente coi turisti stranieri. Fortunatamente poco dopo riusciamo a raggiungere la quota partenza e iniziamo a spostarci verso Ganzi, ma “facciamo una sosta di un’ora a Bamei per fare pranzo”. Bene, avrò la possibilità di visitare un’altro villaggio leggermente al di fuori del mio itinerario originale. Nel frattempo conosco anche Dabao, soprannominato da me ‘il grande’ per il primo carattere del suo nome, un cinese modesto e pacato che si rivelerà il compagno ideale per placare le mie, talvolta poco controllabili e improvvise, ire di viaggio. Sul pulmino iniziamo a chiacchierare e scopro che la sua meta ultima è, come per me, Seda.

DIARIO DI VIAGGIO: QUELLA VOLTA NEL SICHUAN (capitolo 1)- di Duccio Tripoli

Il Western Sichuan, o Sichuan occidentale dalle nostre parti, è un’area della provincia cinese del Sichuan che confina per tutta la sua cornice occidua con il Tibet. Per i non appassionati di geografia, stiamo parlando della Cina sud-occidentale, sopra Myanmar e Thailandia. Per i meno appassionati ancora, la Cina è quella grande nazione a forma di gallo che scorgerete scorrendo il dito verso destra su un qualunque mappamondo o planisfero. Non mi soffermerò troppo sulla storia del Tibet o sulle relazioni Sino-Tibetane degli ultimi 3-4 secoli. Pur avendo trattato l’argomento durante un corso all’Università, ne so troppo poco per presentarlo in maniera soddisfacente. Lo dimostra il 27, senza infamia e senza lode, scaturito dall’esame, che nulla toglie ad un corso che ha lasciato tanto alla mia mente e alla mia voglia di scoperta. Ad ogni modo, la storia recente ha visto Cina e Tibet confrontarsi più o meno pacificamente in diverse occasioni. Vi basti sapere che la situazione si è leggerissimamente deteriorata dopo l’occupazione militare del Tibet (l’esercito di liberazione cinese entrò nel Kham, per “liberarlo”, il 7 Ottobre 1950) e l’esilio volontario (fuga secondo alcuni o estradizione secondo altri) del XIV Dalai Lama Tenzin Gyatso il 17 Marzo 1959. Da allora il Tibet è noto ufficialmente col nome di Xizang, come lo chiamano in Cina, e diventò a tutti gli effetti una provincia cinese, rinunciando a qualsivoglia sovranità degna di una nazione libera. Per capirsi, una provincia cinese dove il visto cinese non è sufficiente per entrare e viaggiare; è necessario un visto speciale rilasciato dal governo cinese (questo vale anche per i tibetani che non vivono in Tibet) e una guida privata che rimanga al seguito del gruppo organizzato per tutta la sua permanenza in Xizang. Inoltre, il governo centrale di Pechino ha promosso negli anni una massiccia migrazione (o invasione bianca come piace chiamarla a me) di Cinesi Han (oltre il 98% di tutti i cinesi sono di etnia Han) a Lhasa e in altre città tibetane con incentivi economici e benefici vari, che ha compromesso irrimediabilmente l’equilibrio demografico di tutta l’area. Qualunque siano i fatti condivisi da queste due etnie sarà sufficiente ricordare che, ancora oggi, i tibetani vedono i cinesi Han come degli arroganti invasori, mentre i cinesi Han vedono i tibetani come degli ingrati luan (riottosi). Questo piccolo inciso per spiegare che, oggigiorno purtroppo, o per fortuna nel mio caso specifico, c’è più Tibet nel Sichuan Occidentale, dove le migrazioni Han non sono arrivate, che a Lhasa stessa che pian piano si sta trasformando in una Chengdu, piuttosto che in una Suzhou o Hangzhou. Io, studiando per un semestre a Chongqing e spinto da quella solita voglia che mi solletica i piedi e il cuore, ho deciso di andare a dare un’occhiata a queste zone dove la componente tibetana è prevalente per le strade, nella lingua parlata, nella cultura e, ancora più importante per questi personaggi col cappello da cowboy, nella religione.mappa_cina

Si inizia a leggere notizie sulle guide turistiche, a cercare su internet e, la parte che preferisco, a tracciare sulle carte un percorso “ideale”, mentre la voglia di partire sale e l’attesa diventa insopportabile, tipo quando dal dottore di venerdì sera sei il sesto, sono le 7, e alle 8 hai un aperitivo con la Gren (la mia ragazza ndr). Dico percorso “ideale” perché quando si viaggia -e particolarmente in queste zone decisamente rurali- si fanno piani, ma spesso i piani vengono sconvolti da una ruota bucata, una frana, un attacco di laduzi (questa è per gli appassionati di cinese) o un biglietto di un pullman terminato troppo presto, e quindi risulta necessario cambiare l’itinerario in itinere. Si chiedono notizie in giro e consigli ad amici che magari sono andati prima di te o che ne sanno di più ma, parere prettamente personale, un viaggio è come uno spazzolino da denti, non si usa mai quello di un altro, è strettamente intimo e deve essere il più adatto possibile. Questo è anche il motivo principale per cui, in determinate occasioni, preferisco viaggiare in solitaria, con i miei ritmi, le mie necessità e le mie voglie; che poi, quando si viaggia da soli, da solo non lo sei mai e sul percorso si intrecciano i piani, le aspettative e le storie di altri viaggianti (i viaggiatori sono altri) e di autoctoni qualunque. Viaggiare è vivere. Se destinati a stare fermi, al posto dei piedi avremmo avuto radici, direbbero alcuni. Poi parliamoci chiaro, il mondo nel 2015 è diventato abbastanza piccolo e con un po’ di soldini messi da parte, tanta voglia, un po’ di pazienza, adattabilità e apertura mentale si va praticamente ovunque. Non tutti siamo fatti uguali, e per fortuna aggiungerei, ma sono convinto che dentro al cuore di ognuno di noi c’è quella foto, quel film o racconto di quel posto lontano che prima o poi dovremmo andare a vedere di persona. Anche solo per realizzare (inteso anche realise, all’inglese british) le sensazioni che effettivamente proviamo una volta arrivati a destinazione.