Archivi tag: strade bianche

Le Strade Bianche – Galleria a cura di Matteo Cannoni

Annunci

VIVA LE STRADE BIANCHE, VIVA LA NOSTRA TERRA-di Michele Masotti

Una corsa unica al mondo e che pur avendo pochi anni di vita richiama al ciclismo eroico di Binda e Girardengo, di Coppi e Bartali; quando un’Italia contadina vedeva sfilare le carovane terrose dei corridori sulle colline inaridite. Quando il ciclismo era sport nazionale in un dopoguerra di macerie e ci si affacciava sotto casa per acclamare quegli strani campioni di tubolari e polvere. Continua a leggere VIVA LE STRADE BIANCHE, VIVA LA NOSTRA TERRA-di Michele Masotti

DIEGO, 25 ANNI, DI PROFESSIONE CICLISTA – di Fausto Jannaccone

Ulissi Diego, 15 Luglio 1989, Cecina. Con queste poche parole abbiamo già detto tanto: giovane ciclista toscano verace, con alle spalle una brillante carriera giovanile. Dal 2010 entra a far parte dei professionisti sotto la guida di Saronni e nel 2011 arriva il primo traguardo al Giro d’Italia; quindi vari Gran Premi, Coppe, la Milano-Torino del 2013. Poi arriva l’anno più lungo della sua carriera: il ragazzo è cresciuto, la promessa si realizza. Il Giro d’Italia lo incorona campionicino: prima la tappa di Viggiano, quindi il numero di Montecopiolo. Il difficile non è vincere, ma rivincere, e Diego lo fa dove nessuno più se lo aspetta. I giornali lo celebrano, i tifosi si esaltano: è l’anno di Nibali, ma Ulissi si è ritagliato un bel posto nel cuore e nelle speranze future azzurre. Un interminabile 2014, che ancora deve dire l’ultima parola, ma torniamo all’inizio di questo anno: per chi già fosse “fan” di Diego è stato possibile vedere l’evento organizzato in suo onore prima della partenza per il Giro dal suo Fans Club, ovvero una bella merenda a Donoratico. Ecco qui tutto Ulissi: casa, famiglia, amici; cosa vogliono dire per Diego queste parole?

Queste parole per me vogliono dire tantissimo, famiglia in particolare: nei momenti felici ma soprattutto in quelli difficili una famiglia unita intorno a te può farti superare tutto e affrontare la vita con forza e ottimismo… Ho la fortuna di avere tantissimi amici che mi vogliono bene e sono pronti ad aiutarmi in qualsiasi situazione ed io contraccambio sempre il loro affetto

Dicevamo Cecina, Donoratico, quindi Toscana, terra fertile per l’uva ma anche per le due ruote: penso a Gino Bartali, come a Mario Cipollini, passando per il tuo conterraneo Paolo Bettini o l’indimenticato Franco Ballerini, solo per citarne qualcuno. Quando da piccolo “giocavi a fare il ciclista” sentivi di essere nel posto giusto o non è stato un fattore che abbia inciso nel percorso che ti ha portato fin qui?

No, non è un fattore che abbia inciso particolarmente; mi sono appassionato al ciclismo grazie a mio padre Mauro che correva in mtb, ho iniziato a correre a 6 anni

Se pensiamo a Ballerini, Bettini e Cipollini ci viene subito in mente come abbiano impreziosito le loro carriere con i trionfi azzurri di 2002, 2006 e 2007; il sogno nel casseto di Diego qual’è? Diventare un campione della grandi classiche, vincere una delle grandi corse a tappe o proprio vestire la maglia iridata?

Mi trovo bene nelle gare di un giorno con una certa durezza mi piacerebbe in futuro fare bene su questo tipo di percorsi che esaltano le mie caratteristiche

Quindi la gara di casa nostra, la Strade Bianche, potrebbe rientrare negli obbiettivi?

Si è una gara che veramente mi piace sarebbe bello un giorno essere con i primi per poter provare a vincerla

La prendo come una promessa! Per chiudere la classica domanda di rito: cosa ha chiesto Diego a Babbo Natale ?

Quello che gli chiedo tutti gli anni, in primis salute e poi tanta felicità per me e tutta la mia famiglia!!